DONA PER LA NATURA

Esso come quasi tutti (ma non tutti) i fontanili di Buccinasco appare sulle carte Teresiane del 1722.
La testa ( Ovest -est) non è quella originale , essa era molto più piccola ed era in pratica quello spicchio sul lato nord dell’ isolotto. E’ stata improvvidamente allargata negli anni ’70 quando lì erano tutti orti abusivi e qualcuno si era fatto il proprio laghetto privato.
Non si conosce bene dove andasse a recapitare l’ asta originale, adesso si immette nel cavo Borromeo dopo aver fatto per un certo tratto da confine con il comune di Milano.
L’ asta è piuttosto breve e questa è buona cosa perchè volendo ne sarebbe gestibile la  manutenzione.
Lavori di manutenzione non sono mai stati fatti sulla testa cioè non è mai stata dragata come avrebbe meritato. L’ asta invece è stata “passata ” col mezzo meccanico nel 2005 e poi anche ripassata a mano.
Indubbiamente il fontanile è vivo, cioè ha ancora una falda sufficientemente alta da renderlo attivo per tutto l’ anno tranne in anni particolarmente siccitosi quando in corrispondenza dell’ asciutta del Naviglio Grande non riesce più a erogare portata.
L’ asta per quanto come detto sia stata dragata e ripulita richiederebbe continua manutenzione cioè continuo diserbo e livellamenti, è probabile che  un taglio delle erbe più radicale miglorerebbe molto la situazione.
Per quanto riguarda la fauna ittica , erano presenti molti Carassi  al tempo del “laghetto privato” ora vi sono cavedani a causa della “cattiva” gestione del fontanile , certo in un regime di portate più alte e di asta piu’ “scorrevole” sarebbe possibile vedere i pesciolini di corrente più tipici dei fontanili quali gobioni, sanguinerole e vaironi.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento